Autore: Lucia Abbatantuono

Lucia Abbatantuono

Autrice. Laurea in Scienze Politiche Economico/Internazionali, Master ISSMI - Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze. Funzionario pubblico, già ricercatrice al Centro Alti Studi per la Difesa, esperta di politica militare e diritto internazionale. Appassionata di letteratura, musica classica e studi classici, è pianista per diletto. Ha pubblicato un romanzo e diverse poesie in antologie contemporanee. Dopo aver scritto per L'Avanti! di Mauro Del Bue, è oggi redattrice e opinionista per La Giustizia. Collabora anche alle riviste Il Chaos e L'Autiere. Socia del torinese Club di Cultura Classica e dell'Associazione Socialista Liberale.

È ufficiale: il nucleo della Terra si sta muovendo all’indietro rispetto agli strati fluidi che lo circondano. E lo sta facendo in progressivo rallentamento. A decretarlo è un’approfondita ricerca pubblicata lo scorso 12 giugno sulla rivista Nature. Questa non solo conferma il rallentamento, ma supporta anche l’ipotesi (risalente al 2023) per cui la decelerazione del nucleo fa parte di un modello decennale di  rallentamento e accelerazione. A dirla tutta, già nel 2022 un’altra ricerca pubblicata su Earth and Planetary Science Letters avvertiva che il “cuore” del pianeta avesse ridotto la velocità di rotazione. Un anno dopo, un team dell’Università di…

Leggi tutto

Non ci sono stati terremoti nè maremoti, ma da ieri è entrata in vigore la legge sull’autonomia differenziata. Se Calderoli & Company festeggiano, il presidente della Fondazione GIMBE Nino Cartabellotta non ha fatto passare sotto silenzio la cosa, e ha dichiarato: “le iniziative avviate da varie Regioni per fermare questa novità dimostrano quanto sia importante riflettere attentamente sulle conseguenze di questa legge, anche per la tutela della salute delle persone sancita dalla Costituzione”. E l’osservazione di Cartabellotta non si è fermata a valutazioni di diritto: “in un contesto di grave crisi di sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale” ha continuato “l’attuazione…

Leggi tutto

A nessuno. O quasi. Al mondo della finanza men che meno: per il secondo anno di seguito scema la pressione degli azionisti nelle grandi multinazionali per appoggiare risoluzioni pro-ambiente. Ricordate i cosiddetti “parametri Esg”? Probabilmente no. Dietro l’acronimo ESG ci sono tre termini molto chiari: Environment (ambiente), Social, e Governance. Si tratta di tre dimensioni fondamentali per verificare, misurare, controllare e sostenere, attraverso l’acquisto di determinati prodotti o con oculate scelte di investimento, l’impegno di un’impresa in termini di sostenibilità. Erano concetti ritenuti fondamentali per assicurare una crescita industriale ed economica non dannosa per l’ambiente, che tutte le grandi aziende…

Leggi tutto

Questo articolo susciterà le ire di molti lettori. Anzi, molti saranno quelli che non tarderanno a produrre dissacranti critiche. Però qualcuno deve pur farlo, e stavolta a farlo sarò io. Sulla stampa americana è apparsa una dichiarazione della biondissima first lady Jill in cui, non molto romanticamente, sostiene: “non si possono bruciare anni e anni di alta politica con 5 minuti di défaillance”. La nobildonna, (perché questa è l’allure ostentata dalla moglie di un certo Mister Biden), ha voluto dire a chiare lettere al popolo americano che non devono permettersi di infangare il buon nome di suo marito, presidente dello…

Leggi tutto

Lo scorso fine settimana, mentre molti erano al mare e molti altri lottavano contro le alluvioni, il Comando statunitense delle forze militari in Europa ha alzato il livello di vigilanza nelle sue basi sparse nel vecchio continente. La notizia è apparsa sulla stampa americana, e le cause sarebbero da rintracciare in una combinazione di fattori, tutti suscettibili di avere un forte impatto sulla sicurezza e sulla difesa dei militari statunitensi (e delle loro famiglie) stanziati oltreoceano. L’allarme permarrà durante tutti i mesi estivi. La nota è stata diffusa con urgenza domenica 30 giugno a tutte le base militari statunitensi in…

Leggi tutto

Mark Rutte è nato a L’Aja il 14 febbraio del 1967, ma di romantico ha solo il giorno natale. Si è candidato al ruolo di nuovo segretario NATO lo scorso novembre, sostenuto da Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Francia, ma fortemente avversato da Turchia, Ungheria, Slovenia e Romania. Lo scorso 20 giugno 2024 è stato ufficialmente eletto come prossimo segretario, prendendo il posto di Jens Stoltenberg. Di fatto il suo incarico sarà esecutivo solo a partire dal prossimo 2 ottobre, in un momento a dir poco critico: un mese prima delle elezioni statunitensi. Cosa sappiamo di lui? Sappiamo che…

Leggi tutto

Diciamolo subito: non è questa la sinistra. O almeno, non la sinistra riformista e liberale che amiamo. Non sono queste le convinzioni di Nenni, o di Turati. E nemmeno Pertini sarebbe contento di simili dichiarazioni. “Chi entra in una casa disabitata prende senza togliere a nessuno, se non al degrado, al racket e ai palazzinari”: a dirlo non è Robin Hood, ma Ilaria Salis, neoeletta eurodeputata al Parlamento europeo nel partito di Fratoianni. Parole che l’insegnante ha affidato a un social per giustificare la sua adesione ai movimenti per la casa, in aperto contrasto con le richieste di Aler, l’ente…

Leggi tutto

Grande la preoccupazione espressa dalla Federazione dei medici territoriali. Così dice il suo segretario generale: “Prima la riforma del Titolo V, ora l’autonomia differenziata, questo malinteso regionalismo mette a rischio la qualità dei servizi sanitari per i cittadini e aumenta le disparità tra poveri e ricchi, tra sud e nord”. All’indomani dell’approvazione della legge sull’autonomia differenziata, e in attesa di un’analisi più approfondita da svolgere il 28 giugno durante il Consiglio nazionale, i medici territoriali hanno espresso “grave preoccupazione” per la riforma. Dopo l’ok del Senato, pochi giorni fa la Camera ha dato il via libera definitivo al ddl Calderoli…

Leggi tutto

Sarà contenta la Casa Bianca, finalmente; quest’anno ben 23 Paesi Nato spenderanno almeno il 2% del Pil per la Difesa. Il recente appello (o meglio, minaccia) dello Zio Sam ha dato i suoi frutti. Addirittura avremo 13 Stati in più rispetto all’anno scorso che stavolta supereranno la soglia del 2%: un incremento mai registrato prima d’ora nell’Alleanza. Lo dicono i dati pubblicati pochi giorni fa dal Quartier Generale di Bruxelles nel report sulle spese militari 2014-2024. Lunedì scorso il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg è stato accolto dagli americani nella Stanza Ovale e ha detto: “È il doppio di…

Leggi tutto

Mi hanno insegnato che, prima di giudicare, bisogna conoscere. E per conoscere, bisogna informarsi. Nessuno però mi ha mai ventilato la più remota possibilità che, nel 2024, oltre 500mila italiani votassero per qualcuno che osannasse la Decima Mas. Voglio pensare, magari ingenuamente, che di questi 500mila buona parte manchi soltanto di informazione. E allora sarebbe opportuno iniziare dalle basi. La Treccani descrive la Decima Mas così: “Reparto dei mezzi d’assalto della Marina italiana che nel marzo del 1941 assunse la denominazione di X flottiglia MAS (dal motto dannunziano Memento Audere Semper). Nel maggio 1943 il comando della flottigliq fu assunto da J.V.…

Leggi tutto